notturno1.jpg

Notturno

A voi lascio le mie notti disperate, il profumo di quei momenti notturni e bui per l’anima, la mia poesia; a voi lascio la nota di Rhum, che mi ricorda l’unico compagno di quel momento, l’odore di pelle della copertina dei miei vecchi diari, l’inchiostro, il caldo profumo del legno di Cedro e il mistero dell’incenso bruciato. Camminando a piedi nudi, nel bosco, il poeta troverà solo un profumo, ricordato, tanti anni prima. Come poesia, come notte.

FASHIONEW1.jpg
notturno(2).jpg